Articoli

Cos’è l’incipit di un romanzo?

Buongiorno carissimi amici,

Vi è capitato sentire parlare di Incipit?

Molte Case Editrici non chiedono di inviare l’intero manoscritto ma bensì la sinossi e l’incipit.

Della sinossi parleremo in un altro articolo, più avanti, oggi mi voglio dedicare invece a questa parte.

INCIPIT (Fonte Wikipedia):

La voce verbale incipit (con l’accento sulla prima ì; dal verbo incipĕre, letteralmente “incomincia”) è la parola iniziale della formula latina che introduce il titolo di un’opera, talvolta anche con il nome dell’autore. In filologia e in bibliografia, con l’incipit, sostantivato, si fa riferimento alle prime parole con cui inizia un testo, e in particolare al primo verso di una poesia.

Se però, in senso stretto, il termine incipit definisce propriamente la parola o la frase o il verso iniziale di un qualsiasi componimento in prosa o in versi, l’uso che ha assunto nella critica letteraria moderna è più esteso. Non solo, dunque, la prima parola o la prima frase, ma l’intera tranche d’avvio, che può essere di lunghezza diversa.

La frase o il verso finale di un’opera letteraria viene invece detta explicit.

Detto questo, come faccio a capire quanti caratteri o pagine devo inviare a una CE nel caso in cui me lo dovesse chiedere?

Se non è espressamente la casa editrice a chiedervi dettagliatamente un tot. di cartelle o caratteri allora siete voi a dover valutare ciò che dovete inviare.

Considerate una pagina, massimo due. Quello che ritenete essenziale per convincere il lettore a dover proseguire la lettura.

Avete presente l’estratto che Amazon mette a disposizione per gli ebook? Ecco prendete quello come esempio.

Adesso, invece, parliamo di qualche punto fondamentale che dovrebbe essere presente per colpire immediatamente il lettore:

  • Inizia subito con un incidente scatenante o con un mistero/segreto.
  • Usa un’ambientazione particolare e interessante.
  • Crea subito suspense.
  • Rendi i tuoi personaggi subito empatici o antipatici e non esagerare nella loro presentazione, se sono troppi fin da subito, si crea troppa confusione.
  • La scrittura deve apparire immediatamente fluida e scorrevole. Spesso non sono necessari paroloni per attirare l’attenzione del lettore. Deve essere chiara e coinvolgente.

Ricordate che l’incipit è davvero molto importante perchè molte persone sia per acquistare che per proseguire la lettura si soffermano esclusivamente su questa parte. Se non li attrae e non li invoglia a proseguire, chiudono il libro e lo abbandonano, così come gli editor che devono valutare se accettare o meno il Vostor manoscritto. Quindi, prestaci molta attenzione.

Spero tanto che questo articolo vi sia utile e, se ne avrete bisogno, potete anche lasciare un commento o contattarmi e, mi raccomando, iscrivetevi alla mia newsletter così non perderete mai gli aggiornamenti!

A presto con altri articoli interessanti riguardo al Self!

Elena

close

Hey, ciao 👋
Piacere di conoscerti.

Iscriviti per ricevere contenuti fantastici nella tua casella di posta, ogni settimana.

Per te subito in regalo il primo capitolo di uno dei miei libri a tua scelta.

Non inviamo spam! Leggi la nostra Informativa sulla privacy per avere maggiori informazioni.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *