Le mie letture

RECENSIONE DI: Splendi più che puoi di Sara Rattaro

Buongiorno!
 
SPLENDI PIU’ CHE PUOI di Sara Rattaro
 
Lo trovate su Amazon.
 
TRAMA (google):

L’amore non chiede il permesso. Arriva all’improvviso. Travolge ogni cosa al suo passaggio e trascina in un sogno. Così è stato per Emma, quando per la prima volta ha incontrato Marco che da subito ha capito come prendersi cura di lei. Tutto con lui è perfetto. Ma arriva sempre il momento del risveglio. Perché Marco la ricopre di attenzioni sempre più insistenti. Marco ha continui sbalzi d’umore. Troppi. Marco non riesce a trattenere la sua gelosia. Che diventa ossessione. Emma all’inizio asseconda le sue richieste credendo siano solo gesti amorevoli. Eppure non è mai abbastanza. Ogni occasione è buona per allontanare da lei i suoi amici, i suoi genitori, tutto il suo mondo. Emma scopre che quello che si chiama amore a volte non lo è. Può vestire maschere diverse. Può far male, ferire, umiliare. Può far sentire l’altra persona debole e indifesa. Emma non riconosce più l’uomo accanto a lei. Non sa più chi sia. E non sa come riprendere in mano la propria vita. Come nascondere a sé stessa e agli altri quei segni blu sulla sua pelle che nessuna carezza può più risanare. Fino a quando nasce sua figlia, e il sorriso della piccola Martina che cresce le dà il coraggio di cambiare il suo destino. Di dire basta. Di affrontare la verità. Una verità difficile da accettare, da cui si può solo fuggire. Ma il cuore, anche se è spezzato, ferito, tormentato, sa sempre come tornare a volare. Come tornare a risplendere. Più forte che può.

 

LA MIA OPINIONE: 

⬇️⬇️⬇️⬇️⬇️⬇️⬇️⬇️⬇️⬇️

 

ASPETTO TECNICO:

Scrittura fluida, veloce, che non si perde in inutili particolari descrittivi.

Trama ben delineata.

 

ASPETTO EMOTIVO:

I fatti succedono molto veloci, uno dopo l’altro, senza darti il tempo di soffermarti troppo a pensare o riflettere mentre leggi.
L’autrice non si perde in descrizioni né fisiche, né relative alle ambientazioni.
Non sono riuscita a staccare gli occhi delle pagine e ho divorato questo libro nel giro di una giornata.

Ciò che mi ha emozionata di più è stato il dolore e l’amore che Emma prova per la figlia, il motore di tutto, in questa terribile storia.

Sara Rattaro mostra le violenze, ma come se fosse sempre qualcosa che rimane in secondo piano per la protagonista, non so come spiegarlo perché è stata una sensazione strana, ma non ho percepito la frustrazione e l’umiliazione di Emma ma solo l’estrema forza e coraggio persistenti e la perseveranza ad andare avanti per non fallire e, soprattutto, per difendere la sua piccola.

Altra cosa che ho amato è l’inserimento di Leggi riguardo alla violenza tra un capitolo e l’altro, davvero una cosa importante, spesso mi ha recato rabbia sapere che, solo di recente, sono state applicate finalmente delle nuove normative a tutela di noi donne, delle denunce e della possibilità di ribellione agli abusi.

Leggetelo, vi farà pensare e vi lascerà dentro tante emozioni contrastanti…

 

CITAZIONI:

Gli studiosi sostengono che la nostra mente tende a preferire la certezza all’incertezza. Questo perché l’uomo ha bisogno, per sua natura, di controllare ogni situazione. Vero o falso. Giusto o sbagliato. Peccato che la maggior parte delle volte siamo immersi nel dubbio.

 

Ero senza parole. L’onda di violenza a cui ero abituata sembrava pronta a travolgermi ancora e, per un attimo tutte le ferite di quegli anni hanno iniziato a pulsare insieme. Ho buttato giù il telefono.
Ho iniziato a tremare mentre le braccia di mio padre mi accoglievano per non farmi cadere, come se avesse capito, come se mi volesse davvero bene.


I ricordi, soprattutto quelli dolorosi, non ci dicono chi siamo diventati ma da dove siamo partiti.

 

 

Alla Prossima!

close

Hey, ciao 👋
Piacere di conoscerti.

Iscriviti per ricevere contenuti fantastici nella tua casella di posta, ogni settimana.

Per te subito in regalo il primo capitolo di uno dei miei libri a tua scelta.

Non inviamo spam! Leggi la nostra Informativa sulla privacy per avere maggiori informazioni.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *